nov 18 2021

EA SIM

Idrogeno: L’evoluzione per la decarbonizzazione

Autore: EA SIM

 In un contesto come quello attuale, caratterizzato dai forti rincari dei combustibili fossili, un sistema energetico rinnovabile fondato sull'idrogeno verde può offrire una alternativa nel processo di decarbonizzazione, contribuendo al raggiungimento degli accordi di Parigi. I recenti sviluppi politici, sia in Europa, sia negli Stati Uniti potrebbero fornire uno stimolo importante sia sul fronte degli investimenti sia sul fronte dei sussidi fiscali, fondamentali al fine di ridurre i costi di produzione dell'idrogeno verde, sin qui rimasti elevati.

 

I motivi dell’interesse per l’Idrogeno

Le proiezioni dell’ Hydrogen Council suggeriscono che l'idrogeno potrebbe consentire una riduzione delle emissioni globali di 6 Gt nel 2050 (17% delle emissioni globali del 2020), anche se l'impatto sul clima dovrebbe comunque essere materiale.

Al di là delle emissioni, l'idrogeno dovrebbe essere interessante per gli investitori per 3 motivi:

1)La quantità di energia pulita richiesta per produrre è ampia

Gli elettrolizzatori richiedono una quantità ingente di elettricità. Da qui al 2030 si stima un incremento di 2.400 GW di capacity delle rinnovabili per il sistema energetico, con un ulteriore ~230GW di incremento per l'idrogeno verde; ciò rappresenta un investimento di circa $2-3 trilioni; con un potenziale complessivo di investimento di  circa $20 trilioni entro il 2050.
 

2. Guidare la crescita in settori difficili da elettrificare

L'elettrificazione è adatta a un certo numero di applicazioni commerciali e di vendita al dettaglio. Tuttavia, dove l'elettrificazione non è abbastanza potente o conveniente (produzione di cemento e luoghi off-grid, per esempio), l'idrogeno potrebbe eventualmente offrire un'alternativa convincente e conveniente.

3. Sbloccare nuovi posti di lavoro e innovazione

Per l’ Hydrogen Coucnil, la transizione potrebbe portare alla creazione di 30 milioni di posti di lavoro e 2,5 trilioni di dollari di vendite associate. Potrebbe anche essere un motore critico per l'innovazione futura - il trasporto verde con distanze più lunghe di quelle che possono essere raggiunte con le batterie, con conseguente grande risparmio di spazio urbano.

Dove verrà creato valore?

Nord America

Ad oggi gli Stati Uniti hanno alcune delle risorse di gas naturale onshore più economiche al mondo per sviluppare l’industria domestica di Idrogeno.
Con il potenziale sviluppo dell’Idrogeno Verde, la crescita dovrebbe partire dal solare presente negli Stati occidentali dovrebbero catalizzare la crescita, in quanto si trovano vicini ai principali centri di domanda.

Europa

Il continente, nell’insieme, è in prima file nel campo internazionale, con 126 progetti in corso rispetto ai 19 dell’America e i 46 dell’Asia. Comprensibile, dunque, l’ottimismo sulla forza e sulla maturità della supply chain in Europa. Questo nonostante uno svantaggio comparativo rispetto gli USA e l’Asia Pacifico nella qualità della potenziale produzione di energie rinnovabili. Regno Unito, Olanda e Portogallo guidano il campo della capacity produttiva di Idrogeno verde.

Medio Oriente e Nord Africa

La regione ha fonti eoliche e solari rinnovabili a basso costo (l’Arabia Saudita recentemente ha registrato un’offerta per l’energia solare a $c1.04/KWh) oltre che gas naturale. I Governi hanno bisogno di un piano oltre ai combustibili fossili e stanno spingendo fortemente sulle strategie di Idrogeno Blu e Verde. I progetti sono sotto studio in Arabia Saudita,  UAE, Oman, Egitto, Giordania e Marocco. Data la limitata industrializzazione domestica, la produzione probabilmente sarà destinata ai mercati di esportazione.

Aisa Pacifico

Gli investimenti sono, ad oggi, concentrati in Cina, Australia  Giappone. La Cina sta puntando a far sì che, entro il 2050, il 10% dell’energia provenga dall’Idrogeno. Il Giappone, con una disponibilità di gas naturale limitato e una bassa qualità delle infrastrutture di energie rinnovabili, sta sostenendo le applicazioni in ambito industriale. L’Australia, con un abbondante potenziale di energie rinnovabili, sta portando avanti diversi progetti nella produzione su larga scala.

Gli elementi di sintesi

  • L’idrogeno è un elemento chiave per la riduzione delle emissioni di CO2;
  • La proposta di sussidi di 3USD/KgH è un game changer per la riduzione dei costi di produzione;
  • L’energia rinnovabile è indispensabile per produrre Idrogeno Verde;
  • Ingenti investimenti sono indispensabili per la produzione di idrogeno e per migliorarne l’efficienza;

Post correlati

dic 3 2021

Variante Omicron - quali gli scenari possibili?

Gli sviluppi pandemici tornano a spaventare i mercati. I timori sulla contagiosità e pericolosità della nuova variante Omicron hanno spinto bruscamente al ribasso i mercati azionari, mettendo in ombra i dati macro positivi pubblicati nelle maggiori economie nelle ultime settimane.

dic 2 2021

Bond Update - Dicembre

Autore: EA SIM

Dopo i rialzi di ottobre i rendimenti dei governativi nel corso del mese hanno consolidato in marginale ribasso, con le curve dei tassi che si sono marginalmente appiattite, in un contesto di volatilità che rimane però ancora elevato. 

Conosciamoci

Euromobiliare Advisory Sim

Corso Monforte 34,
20122 Milano

Parla con un consulente
Tel. +39 02 77426400
info@easim.it
Indirizzo PEC